learn-italian-in-italy-Piombino-livorno-tuscany

LEARN ITALIAN IN ITALY

scuola-di-italiano-per-stranieri-piombino-toscana-italia a
 

DO YOU HAVE A PASSION FOR ITALY, ITALIAN LANGUAGE AND CULTURE OF “BEL PAESE”?

The italian language school for foreigners (Alma Mater) in Piombino is the right solution for you!

Short study vacation

2 weeks QUINDICINA

Beginner level

4 weeks MONTH

Elementary level

8 weeks BIMESTRE

Intermediate level

16 weeks QUADRIMESTRE

Specialization 

SEMESTER

To which we can add two additional levels of “specialization” of one month each

Why learn Italian?

imparare l'italiano

Italy is the cradle of Western civilization ..

Learning the language closest to Latin helps to understand the origin of many words of Western languages, and to learn about the history of European culture, literature, archeology and philosophy.

Italian is the language of music …

“The international musical terminology – said Cortelazzo – is based on Italian (just think, already in the sixteenth century, the dissemination of the Italian” fuga “in the German Fuge, in the Spanish” fuga “, in French” fugue “and, from here, in ‘ingl. “fugue”); in the eighteenth century, sing an opera mean almost exclusively, throughout Europe, sing in Italian; learning to sing opera – the scholar concluded – is one of the strongest motivations that push people from distant countries (eg China or India) to learn our language. “

Italian is the language of many migrants …

Many choose to study Italian to get closer to the culture of their origin, their roots, then to approach those relatives who a few years earlier have emigrated to seek better luck or to follow job opportunities.


Italian is the language spoken in the “made in Italy” business world …

“Made in Italy” has led the Italian language to be a protagonist in the world of design and fashion, and in the food and car industry. For those who work or would like to work in these areas, knowledge of the language is useful.

Italian is a language that improves the development of analytical thinking …

In general, the study of foreign languages supports the development of understanding and reasoning skills. Knowledge of the Italian language, due to its proximity to the Latin language, makes it easier to learn Spanish, French, Portuguese, and Romanian.

Italian is a beautiful language ..

Celebrated by many writers, musicians, artists, it has been described as the “best-composed language in terms of fluidity and smoothness” (James Howell, historian), “the most beautiful in the world” and “there is no doubt that angels in the sky speak Italian “(Thomas Mann, writer),” no language was ever more perfectly ordained to express human emotions”(Eat, Pray, Love by Elisabeth Gilbert).

Italian cities and municipalities are some of the most coveted places for holidays …

Italy is one of the most interesting states to visit, thaks to its rich cultural and natural heritage, recognized by UNESCO. Every place has an intense history to tell and you can find the most varied landscapes and environments at short distances.

Other reasons…

Italian language is musical..
Italian is the language of opera, fashion and design …
Italian is the language of good wine and good food ..
lingua italiana scuola di italiano per stranieri piombino

Why learn Italian in Piombino? Here are at least ten good reasons ...

Learning is supported by the quiet environment and by contact with nature..


Piombino is a city centrally located along the Tuscan coast, in front of Elba Island, whose landscape is visible to the naked eye from the shore of the city. It is a livable city and it is possible explore it on foot. Piombino is a promontory, located on the sea, and it offers all types of coastline: rocks, sand, pebbles.


It is easier to learn a language by approaching the history and culture of its people …


Piombino also has a long history, determined mainly by its strategic position (due to the port), and its relationship with iron and agricultural production. Some places are a symbol of the various steps and moments in the city’s history.
The Etruscan settlements, the era of the “Comuni” in which Piombino found itself confronted with Pisa, the Maritime Republic, the era of States with the Appiani, in which it passed from Signoria status, to the Feudo one, to arrive at the Free Principality of the Holy Roman Empire. In addition to the Appiani family, the Ludovisi, the Boncompagni and the Baciocchi-Bonaparte families alternated, through a very long period of great political and administrative transformations, wars and invasions.
An authentic wave of renewal cames at the beginning of the nineteenth century when, after the French conquest, Napoleone granted Piombino to his sister Elisa, wife of Felice Baciocchi; in those years Piombino took the name of “little Paris“.
In 1815, with the Congress of Vienna, Piombino ended its independent existence and merged into the Grand Duchy of Tuscany, ruled by the Lorena family. The redevelopment campaign of the Maremma launched in 1828 by Leopold II leads to a slow but steady economic, demographic and construction growth. Towards the end of the nineteenth century the first major Piombino industries were founded: the Società Anonima degli Alti Forni and Fonderia di Piombino and La Magona d’Italia. In just a few decades, Piombino’s identity was firmly linked to the processing of steel.


Leonardo da Vinci and Piombino?


Leonardo Da Vinci designed Piombino’s military defense system from 1502 to 1505, with part of the walls still visible. Cesare Borgia called him as a military engineer to strengthen the defensive fortifications and to redevelope the surrounding territory.

Not just classroom study!


To know Bel Paese it is essential to stay in the streets of the cities and in the middle of the characteristic nature!
The people of Piombino, “Piombinesi” this is how the residents of Piombino are called, they are very loyal to their city, in the same way as the islanders …
Piombino looks like an island, and offers a comfortable, quiet and calm lifestyle.
The territory is characterized by several natural parks, protected and maintained as protected natural reserves. The beaches and the coast therefore did not suffer the violence of overbuilding and commercialization. The sea belongs to everyone!


In Tuscany we are particularly careful to the quality of our food products, health comes from healthy eating and sports


There are many paths along the coast, which allow you to walk, run or cycle for many kilometers, with different degrees of height. Piombino is candidate to become Città dello Sport 2020, thanks to the cutting edge in the management of sports centers. Piombinesi are great sportsmen!


To explore the rest of Tuscany …


If you have the desire to visit the surrounding areas or other Tuscany‘s cities, Piombino central location allows you to plan visits to the islands and other cities even in the day.

Organization

# Group courses with a maximum of 10 students per class

# 20 lessons per week in the morning, and last 50 minutes each

# the class schedule every morning is from 9 to 13, with a mid-morning break

# lessons take place from Monday to Friday

# Every week there are two afternoons of cultural activities with visits to the territory, screening of films, etc.

Teachers

# Professional Italian teachers highly qualified to teach Italian to foreigners

# teachers have decades’ experience in the profession

Overnight stay and courses, costs and organization

Italian School for Foreigners by Alma Mater has planned a customizable journey (duration and intensity), modulating the time for study in class with the time for city’s exploration and the one for the life in nature.

Download brochure

Places of interest nearby the school

Old Porto

Used since the twelfth century, it was used by fishermen and vessels for commercial use of medium-small tonnage. It was enlarged and strengthened by Jacopo III Appiani in 1470, the year in which the dam was built (in the forms in which it can still be admired).

Piazza Bovio

Piazza Giovanni Bovio is located at the tip of the promontory of Piombino, and is one of the largest seaside squares in Europe.

Andrea Guardi Diocesan Museum of Sacred Art

Sant'Antimo's cathedral church, a museum of works of considerable interest. The museum collection is dedicated to the display of liturgical objects. Particular importance is given to the Florentine artist Andrea Guardi (1415-20-post 1478), his important marble works are still preserved in the cathedral.

Cattedrale di Sant'Antimo

It was built in 1377, on the site of an ancient eighteenth-century place of worship named after St. Michael, by the will of Pietro Gambacorti, lord of Pisa. It was built according to the late Romanesque forms with temperate Gothic influences and was consecrated to San Michele, perhaps a reminder of the pre-existing complex previously mentioned. As recalled by the commemorative plaque on the façade, the architect Piero del Grillo is the Pisan master. It was consecrated in 1502 and named after Saint Augustine by Pope Alexander VI, who held a solemn ceremony on the occasion of his visit to Piombino.

torrione e rivellino piombino
Torrione e Rivellino

The fortified complex was composed in different periods. The ancient gate on the ground of the city, also called Sant'Antonio is the oldest monument among those left in Piombino, built in 1212, is the only evidence of the municipal age. The tower was probably provided with one or more bells, used in case of cerimonies or dangers. In 1447 it was built at the behest of Rinaldo Orsini, husband of Caterina Appiani, the solid semicircular reinforcement, the 'Rivellino', which is inserted into the context of the ancient walls. The openings through which the chains of the drawbridge flowed. Also known as Porta Inferi, the building is walled on an internal edge with a small marble plaque that recalls the public authority of the year in which it is built. On the façade facing the Course it appears the winged dragon of the Appiani. In 1448 the Rivellino allowed the city to win the siege moved by Alfonso I of Arogona, of Naples, and in 1555 proved to be fundamental to the siege of the Turks. In 1417 the king of Naples, who was successfully thwarted, was in 1447 the Revolution of semicircular shape, in view of the siege of Alfonso V of Aragon. Once it was covered by a moat and equipped with a drawbridge. From the same quarry of Populonia already exploited by the Etruscans. When Cosimo I de 'Medici revisited the city between 1548 and 1557, the repair of the original Guelph battlements came out.

castello piombino
Castello e Fortezza Medicea

Il Castello di Piombino, inglobato nella Fortezza Medicea bastionata del XVI° secolo, è la principale opera militare difensiva. L'aspetto monolitico del castello, dalla solida struttura quasi cubica, potrebbe trarre in inganno il visitatore che dovrà invece seguire al suo interno un affascinante e complesso racconto architettonico che rispecchia le varie vicende storiche della città. Il Castello, originariamente edificato dai pisani nel XIII° secolo ed allora chiamato Cassero Pisano, segnava il limite della città su quel lato. Il nucleo più antico è costituito da una delle porte che si aprivano nella coeva cinta muraria cittadina, edificata a difesa di uno dei porti più importanti della costa Tirrenica quale era divenuto Piombino. L'originale porta del 1235 è oggi incorporata nel Cassero della Fortezza. La prima trasformazione saliente fu quella che nel corso del XIV° secolo portò, a seguito della chiusura dell'originario accesso, alla costruzione di un recinto difensivo atto ad alloggiare la guarnigione Pisana stanziata in città per sedare sul nascere i focolai di rivolta. La fortificazione venne poi ritoccata da Leonardo da Vinci fra il 1502 ed il 1504 quando si occupò del riordinamento delle difese cittadine. Nel XV° secolo il comune di Piombino passò sotto il controllo della Signoria degli Appiano, il perimetro delle mura fu ampliato e rafforzato. Tra il 1552 e il 1557, il Castello divenne il baluardo al centro della fortezza fatta costruire da Cosimo I° de' Medici che, a seguito dell'avvento delle armi da fuoco, incaricò il suo architetto militare Giovanni Camerini di avvolgerlo in bastioni stellari. Da allora il Castello divenne Fortezza Medicea. Da metà dell'800 al 1960, dopo numerosi passaggi di potere fra Francesi, Spagnoli e Austriaci, il castello fu trasformato in struttura carceraria, all'interno sono ancora visitabili alcune celle con i graffiti dei detenuti.

museo del castello piombino
Museo del Castello e delle ceramiche medievali

Centinaia di vasi in ceramica risalenti al XIII secolo, rinvenuti dagli archeologi nella chiesa di S. Antimo sopra i Canali, nei pressi del vecchio porticciolo della città. Una delle stanze accoglie i progetti che Leonardo elaborò per Piombino durante i suoi soggiorni in città. Di grande suggestione è la sala che accoglie le monumentali teste marmoree provenienti della Fonte dei Canali di Marina, dove Piombino ebbe origine dopo l’abbandono di Populonia.

Chiesa di Sant'Anastasia

Chi passando dal Porto Antico osserva bene l’edificio, non avrà certamente difficoltà a riconoscere ancora l’ossatura architettonica della Chiesa. La Chiesa di Sant'Anastasia era di stile gotico, fu costruita per volere della ricca Corporazione dei Marinai nel secolo XIII in onore di Sant’Anastasia, santa proclamata dagli abitanti di Piombino come patrona della città(La festa ricorre l’ 8 maggio di ogni anno)

Chiesa dell'Immacolata

I seguaci di san Francesco si insediarono a Piombino dopo pochi decenni dalla morte del fondatore e, fra alterne vicende, vi rimasero fino al 1806, quando in città per volere di Elisa Bonaparte Baciocchi, sorella di Napoleone e principessa di Piombino, furono soppressi numerosi ordini religiosi e sconsacrate varie chiese. Alla fine dell'Ottocento i padri francescani della provincia Toscana scelsero Piombino quale sede del convento per la cura dei fratelli ammalati e bisognosi di aria marina.

palazzo appiani museo del mare piombino
Museo del Mare in Palazzo Appiani

Fondato nel 1985, grazie a un'iniziativa del Comune e dell'Istituto di Biologia ed Ecologia Marina di Piombino, che si collocò nell'ambito di un piano per il rilancio turistico della città. L'istituzione, che opera in stretta relazione con l'Istituto, si occupa di studiare e monitorare l'ambiente marino del Mediterraneo, grazie anche a un Centro Polivalente di Educazione Ambientale, dotato di sezione didattica e di ricerca. Il Museo si trova in Palazzo Appiani, la prima residenza della famiglia Appiani. Databile alla metà del Trecento, detto anche "Palazzo Vecchio" o "Palazzo Vecchio di Piazza". Le segrete, perfettamente conservate, sono databili al XIII secolo.

palazzo comunale e torre dell'orologio piombino
Palazzo Comunale e Torre dell'Orologio

Il Palazzo Comunale di Piombino è un antico edificio, costruito nel XIII secolo come Palazzo dei Priori (o Palazzo della Comunità), e successivamente riedificato nel 1444 per ospitare le riunioni degli Anziani, il gruppo di potere cittadino. La struttura, alla quale si affianca la pregevole Torre dell'Orologio, costruita nel 1598, fu sottoposta tra il 1933 e il 1937 ad ampi lavori di ristrutturazione, che alterarono di non poco l'assetto originario, dando però all'edificio una forma dal pregevole gusto medievale, con tre ordini a bifore e archi a sesto acuto, mentre la Torre presenta un disegno non dissimile da quello della Torre del Mangia di Siena. All'interno del Palazzo Comunale sono ospitate alcune opere artistiche di rilievo, tra le quali una Madonna col Bambino o Madonna del Latte, dipinta nel 1575 da Giovanni Maria Tacci, una statua marmorea a identico tema di Ciolo e Marco da Siena, e le raffigurazioni su tela dei principi di Piombino e granduchi di Toscana.

casa delle bifore piombino
Casa dell Bifore

Esempio unico in città di tipica architettura medievale: la ‘casa-torre’ trecentesca; è il più antico palazzo privato della città. Stile Pisano, tre piani, otto finestre a bifora in travertino. Edifici simili erano certamente frequenti nella Piombino medievale.Si trova nel centro storico nei pressi del Palazzo Comunale. A partire dal 1900 sino ad oggi è sede delll’Ar­chivio Storico dell’antico Stato e Città di Piombino. È sede dell'archivio storico della città e deve il suo nome alle finestre a bifora con archetti a sesto acuto e colonnina sulla facciata. Detta anche palazzo di Martino di Brancaccio o casa Minelli, è l'unica testimonianza in Piombino di architettura civile duecentesca. Edificata presumibilmente tra il 1284 ed il 1289, forse da un cittadino guelfo, risente delle influenze dell'arte pisana. Originariamente era dotata di merlatura.

osservatorio astronomico piombino
Osservatorio Astronomico

Nella splendida cornice di Punta Falcone si trova l'Osservatorio astronomico: fu edificato negli anni settanta dove durante la seconda guerra mondiale era presente una batteria antinave. E' uno dei più importanti siti osservativi non professionali della Regione Toscana. Presso l'osservatorio si svolgono serate di osservazioni astronomiche per il pubblico.

Parco Archeologico Etrusco di Baratti - Populonia

Si estende tra le pendici del promontorio di Piombino ed il Golfo di Baratti , dove sorgeva la città etrusca e romana di Populonia, nota fin dall’antichità per l’intensa attività metallurgica legata alla produzione del ferro. Comprende una parte significativa dell’abitato etrusco e romano di Populonia, con le sue vaste necropoli, le cave di calcarenite ed i quartieri industriali in cui si lavorava il minerale di ematite, proveniente dai giacimenti dell'isola d'Elba, per ricavare lingotti di ferro. Adiacente al centro accoglienza del parco si estende l'ampia necropoli di epoca orientalizzante di San Cerbone. L'itinerario si snoda attraverso decine di tombe a tumulo, edicola e sarcofago; coprendo un range cronologico che va dal VII al VI secolo a.C.

wwf piombino
WWF Padule Orti-Bottagone

Quest' Oasi WWF rappresenta una preziosa testimonianza delle passate estese paludi della bassa val di Cornia, scomparse a seguito delle bonifiche. In un'area pianeggiante costiera, circondata da centrali e impianti industriali, la palude salmastra degli Orti e quella d'acqua dolce del Bottagone formano, insieme, una vera Oasi di biodiversità, che garantisce habitat adeguati per molte specie animali e vegetali, in particolare per molte specie di uccelli.

Parco Archeominerario Piombino
Parco Archeominerario

Situato alle spalle di Campiglia Marittima e del promontorio di Piombino, il parco si estende su un’area di circa 450 ettari. I percorsi di visita si snodano tra musei, gallerie minerarie, un borgo medioevale di minatori e fonditori fondato circa mille anni fa, e sentieri di interesse storico, archeologico, geologico e naturalistico.

Golfo di Baratti

Prima dell'erosione della costa del golfo, era uno dei porti Etruschi più importanti sulla costa toscana, la cui attività principale era la produzione di ferro.

Rocca di Populonia

Populonia deve la sua fama non alla sua Rocca ma al fatto di essere l'Etrusca Pupluna o Fufluna, uno degli insediamenti umani più antichi e prestigiosi dell'intera Toscana.

isola d'elba piombino scuola di italiano per stranieri alma mater
Isola d'Elba

L'Isola d'Elba è un'isola situata tra il canale di Piombino. È la più grande delle isole dell'Arcipelago Toscano, e la terza più grande d'Italia. L'isola era già abitata durante il Paleolitico, come dimostrano i ritrovamenti di strumenti litici. Ricchissima di giacimenti di ferro, l'isola d'Elba rese possibile il sorgere della civiltà etrusca, la quale costruì vari villaggi d'altura fortificati ubicati su colline in posizione strategica per il controllo del mare e delle rotte marittime di diffusione del ferro. Successivamente, con il dominio di Roma, sull'isola furono edificate almeno tre ville marittime. Dopo la caduta di Roma, l'Elba divenne territorio degli Ostrogoti e successivamente, nel 610, dei Longobardi; a questi ultimi si devono numerosi toponimi presenti ancora oggi sull'isola. L'imperatore Napoleone Bonaparte fu esiliato all'Elba nel 1814 e vi rimase 10 mesi come sovrano del Principato dell'Isola d'Elba.

pianosa piombino scuola di italiano per stranieri
Isola Pianosa

Pianosa è un'isola situata nel mar Tirreno, che fa parte dell'Arcipelago Toscano nel parco nazionale omonimo. l nome dell'isola si riferì, sin dall'Antichità classica, alla sua morfologia pianeggiante: Planasia, dall'aggettivo latino planus («piatto»). Durante il Medioevo, il nome dell'isola si trasformò in Planosa. L'isola fu abitata sin dall'epoca preistorica; le più antiche tracce di presenza umana sono attribuibili al Paleolitico superiore. Sono stati ritrovati anche manufatti e sepolture di popolazioni appartenenti al Mesolitico e al Neolitico, epoca a cui si data anche l'insediamento attestato sul piccolo isolotto detto la Scola.

Follonica città
San Vincenzo città

Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Linkedin